Cosa rende La La Land un film tanto amato?

La La Land tra nostalgia e modernità

Tralasciando il grande equivoco che ha visto coinvolto recentemente La La Land e Warren Beatty durante la premiazione degli Oscar 2017, vorrei parlare degli elementi di marketing che, secondo me, rendono il film di Chazelle amatissimo dal grande pubblico e non solo. Mi piace andare al cinema e vedere film e serie tv ma non mi reputo un esperto, quindi lascio da parte gli aspetti tecnici, come regia, fotografia ecc., che comunque in questo film sono ottimi. Mi concentrerò invece sugli aspetti del film che lo hanno reso infallibile anche da un punto di vista relegato al marketing.

Prima di tutto La La Land è un musical che viene quindi percepito come leggero, rapendo subito lo spettatore che vuole distrarsi dalle noie quotidiane. Anche la colonna sonora fa la sua parte e anch’essa, leggera e orecchiabile, rimane impressa per molto tempo nella testa di chi l’ascolta. Tutta questa leggerezza è apparente, perché man mano che la storia avanza, si fa strada l’anima tormentata dei protagonisti nelle loro vicende personali.

Protagonisti che sono interpretati da Ryan Gosling ed Emma Stone. Due attori amatissimi, sulla cresta dell’onda e che sono molto affiatati sul set, avendo girato almeno tre film insieme (“Crazy Stupid Love”, “Gangster Squad” e ora “La La Land”). Altro punto di forza dal punto di vista del marketing legato al film.

Il vero punto di forza di La La Land però è l’effetto nostalgia che questo film riesce a far nascere nello spettatore, con una regia e uno stile che rievoca i vecchi musical hollywoodiani. E questo lo si capisce già dai titoli di testa.

Il film infatti è pieno di richiami emozionali che attingono a piene mani dai grandi musical degli anni ’50 e ’60, come West Side Story ma non solo. Vi è anche qualche richiamo agli anni ’80, caratterizzati dalla loro leggerezza e voglia di distacco dal passato. Questi richiami al passato fanno molto presa sullo spettatore che vive nella società moderna e che cerca nelle figure del passato lo stimolo per superare moralmente e culturalmente il difficile tempo presente.

Ma La La Land va oltre il mero richiamo al passato e fa quello che dovrebbero fare tutti i prodotti che anelano al successo. Un mix tra passato e moderno. Infatti, nonostante il grande richiamo al passato, La La Land introduce diversi elementi con cui la gran parte degli spettatori si possono identificare. La difficoltà di inseguire i propri sogni e di affermarsi nell’ambito lavorativo. Senza tralasciare i conflitti amorosi e i problemi di coppia, che nascono dalla complessità di conciliare amore e carriera.

Tutto questo condito dalla bravura del regista e degli attori Ryan Gosling ed Emma Stone, che funzionano alla perfezione in questo film confezionato in modo magistrale.

Facebooktwittergoogle_plusmail

PS4 NEO – Cosa c’è di vero? Cosa potrebbe cambiare nel mondo dei videogiochi?

Uscirà una nuova playstation 4 più potente di quella attuale? Questa è la domanda che si pongono tutti gli appassionati di videogiochi che hanno sentito parlare di PS4K e Playstation Neo.

Questa nuova playstation al momento è chiamata PS4 Neo e dovrebbe avere un processore più veloce a 2,1GHz, rispetto agli attuali 1,6GHz, un processore grafico che passa da 18 a 36 unità computazionali e una banda per la RAM superiore.

Prima di tutto diciamo che ancora non c’è niente di ufficiale. Anche se la mancanza di smentite da parte di Sony suona un po’ inquietante. Inoltre pare che il produttore AMD abbia pronti 3 nuovi chipset da far uscire a breve. Due di questi si presuppone siano per Sony e Nintendo (con la console NX).

Chi ha messo in giro questi rumors inoltre ha anche aggiunto alcuni dettagli sulle linee guida che le software house dovranno seguire per sviluppare videogiochi sulla nuova e vecchia PS4.

Mettiamo che i rumors siano veritieri e che la Sony confermi tutto alla fiera dell’E3. Quali sono i pro e i contro di questa strategia per noi consumatori?

I pro:

se la vostra PS4 non vi soddisfa tecnicamente e non avete voglia di farvi un PC per giocare, allora l’arrivo di una nuova PS4 Neo potrebbe fare per voi. Il costo dovrebbe essere quello del lancio della PS4 originale, quindi 399 euro e con qualche permuta della vostra vecchia console potete anche risparmiare qualcosa.

Inoltre se avete proprio voglia di giocare con il PS VR, per provare la realtà virtuale sulla vostra playstation, allora l’acquisto di Neo potrebbe essere quasi un obbligo, visto che i giochi per la realtà virtuale richiedono requisiti molto alti per evitare spiacevoli problemi.

I contro:

se avete da poco acquistato una PS4, l’arrivo della nuova versione potrebbe farvi giustamente arrabbiare. Questo da un punto di vista economico.

La nuova PS4 Neo diverrebbe inoltre il punto di riferimento per gli sviluppatori e quindi sulla vostra attuale PS4 arriveranno gli stessi giochi ma con framerate e risoluzione peggiori.

Si andrebbe anche a perdere l’ottimizzazione dei giochi che deriva dalla maggior conoscenza dell’hardware, tipica del ciclo delle vecchie console.

Ma gli svantaggi potrebbero avvenire anche per i non possessori di Playstation. Dover ottimizzare i giochi anche per PS4 Neo porterebbe via altro tempo agli sviluppatori, che già faticano a portare i loro prodotti nei tempi prestabiliti sulle attuali console e su PC.

La rincorsa alla vendita di hardware sempre più potente potrebbe portare a un mercato in cui i giochi verrebbero ottimizzati sempre peggio. Estremizzando si potrebbe dire che le console potrebbero diventare come dei PC pensati per giocare che usciranno con una cadenza di due o tre anni.

Da appassionato di Marketing questa mossa da parte di Sony, ormai leader del mercato console, mi affascina. Da appassionato di Videogames invece mi spaventa, perché potrebbe far diventare il mercato delle console come quello degli smartphone. Solo che questi due mondi sono molto differenti secondo me e chi gioca su console e PC sa che oltre al prezzo per cambiare console o upgradare la propria macchina da gioco, c’è da considerare anche il prezzo dei giochi.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Better Call Saul

E’ lo spin-off di Breaking Bad e infatti si nota subito. Il protagonista è sempre un uomo che vive nella mediocrità che si ritrova improvvisamente catapultato in una situazione che diventa sempre più complicata e pericolosa. Almeno questa è l’impressione che si ha dalle tre puntate andate in onda fin’ora. L’attore che interpreta James McGill è più in forma che mai e vedere gli inizi del personaggio, che qui non è ancora quella vecchia volpe che vediamo in Breaking Bad, farà piacere ai suoi fan. Inoltre anche gli altri personaggi sembrano già ben caratterizzati e il cast è composto da ottimi attori. Oltre al ritorno di Mike Ehrmantraut, abbiamo anche delle ottime novità, come il carismatico Nacho e Chuck, il fratello di James. E qualcosa mi dice che in futuro vedremo anche altri personaggi incontrati in Breaking Bad.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Quali Sono i Videogiochi Adatti a Bambini e Ragazzi?

Un giorno ero in un negozio di elettronica e una signora si lamentava del fatto che per PS4 non ci fossero giochi adatti ai suoi figli di 9 e 11 anni. Visto che mi tirò dentro il discorso, perché stavo chiedendo alla commessa un’ informazione, ci scambiai due parole ma mi sembrò che si lamentasse solo per giustificare il fatto che comprasse giochi come Call of Duty ecc. ai suoi figli, senza informarsi delle possibili alternative. Io le dissi di informarsi bene, perché di giochi non violenti e adatti a bambini ce ne sono. Lei invece insisteva del fatto che ci sono solo giochi violenti.

Invece basterebbe un pizzico di pigrizia in meno e un po’ di tempo per informarsi. In questo post inserisco dunque alcuni dei giochi consigliati per un’età tra i 7 e 15 anni (ricordate di guradare il PEGI, che vi informa dell’età consigliata), per le diverse console. Proverò a inserire solo i giochi che reputo decenti, cercando di evitare quelli brutti.

Per PS3, Xbox 360, XboxOne e PS4 ci sono un sacco di serie di giochi che piacciono anche ai più grandi, come la serie dei videogiochi Lego, che sta spopolando in questi anni, oppure la serie Skylander, che però vi farà spendere altri soldi per le statuine dei personaggi. Stesso discorso che si può fare per la serie Disney Infinity.

Giochi su PS4 e XboxOne per i più giovani sono:

  • Little Big Planet 3 (solo PS4)
  • Lego Batman 3: Gotham e Oltre
  • Terraria (solo PS4)
  • Rabbids Invasion
  • Minecraft
  • Plants vs Zombies Garden Warfare
  • Rayman Legends
  • Knack (Solo PS4)
  • Fifa 2015
  • NBA 2015
  • DriveClub
  • Project Cars
  • Child of Light
  • Singstar

Per i giochi più recenti leggi l’articolo sui migliori giochi PS4 per bambini.

Se sono più grandicelli (da 12 anni)

  • Dragon Ball Xenoverse
  • Rocksmith 2014
  • Project Spark (solo XboxOne)
  • Forza Horizon 2 (solo XboxOne)
  • Transformers: The Dark Spark
  • Worms Battlegrounds
  • The Amazing Spiderm-Man 2 (PEGI 16)
  • Trial Fusion
  • Toukiden Kiwami
  • Final Fantasy X

Potrebbe interessarti anche l’articolo sui giochi PS4 per ragazzi.

Giochi per WiiU per i più giovani sono:

  • Mario Party 10
  • Captain Toad Treasure Tracker
  • New Super Mario Bros U
  • Super Smash Bros.
  • Mario Kart 8
  • Nintendo Land
  • Donkey Kong Country Tropical Freeze
  • Super Mario 3D Worlds
  • Pikmin 3
  • Rayman Legends
  • New Super Luigi U
  • The Wonderful 101
  • Mario e Sonic ai Giochi Olimpici invernali 2014
  • Monster Hunter 3
  • Hyrule Warriors
  • One Piece Unlimited World

Per PS3 in particolare ci sono anche:

  • Little Big Planet
  • Terraria
  • Minecraft
  • Epic Mickey 1 e 2
  • Ratchet & Clank.
  • Rayman
  • Bakugan
  • Ducktales
  • Mickey Mouse Castle of Illusion
  • Sonic Racing Transformed
  • kingdom heart
  • The Blob 2
  • I Simpson
  • The legend of Spyro
  • I giochi di Dragon Ball e Naruto (da 12 anni in su)
  • Plants vs Zombies
  • Rabbids

Per Xbox 360 ci sono:

  • Teenage Mutant Ninja Turtles
  • Rayman
  • De Blob 2
  • Sonic & SEGA All star racing
  • Bakugan
  • Sonic Unleashed
  • The Legend of Spyro
  • I Simpson
  • Minecraft
  • I giochi di Dragon Ball e Naruto (da 12 anni in su)
  • Plants vs Zombies
  • Digimon
  • Rabbids
  • Project Spark

Inoltre ci sono anche i giochi sui cartoni Disney, Dreamworks ecc., come Toy Story e Kung Fu Panda, i vari Guitar Hero e DJ Hero ecc, se i vostri figli sono amanti della musica o i giochi di corse e i vari giochi sportivi. 

Poi ribadisco che per tutte le console ci sono innumerevoli titoli delle serie  LEGO, Disney Infinity e Skylanders, che hanno come target proprio i giocatori più giovani.

Ricordate comunque che basta il buon senso per scegliere i giochi da comprare a vostro figlio. Ma soprattutto mettetevi in testa che se vostro figlio sta crescendo in un contesto familiare e sociale sereno, nessun videogioco violento potrà mai traviare la sua mente. Se questo accadesse sarebbe per ben altri motivi.
Anzi io mi sto sempre più convincendo che i giochi che permettono di scaricare la tensione potrebbero avere dei benefici sulle persone. Ovviamente non sto dicendo di far giocare bambini di 5-6 anni a Mortal Kombat, ma da una certa età, in base anche al carattere dei ragazzi, non vedrei alcuna controindicazione nel farli  giocare a videogiochi destinati agli adulti.

Facebooktwittergoogle_plusmail

Perché i Media Attaccano i Videogiochi?

Sulla RAI è avvenuto l’ennesimo attacco senza senso contro i videogiochi.

E’ da almeno un paio di mesi che ogni tanto esce qualche articolo su siti di testate nazionali che inneggia alla violenza eccessiva dei videogiochi.
Potrebbe sembrare solo un modo per creare sensazionalismo e attirare lettori al proprio sito ma ultimamente questi attacchi da parte di giornali e tv sembrano continui. Anche Striscia la Notizia ha recentemente trattato l’argomento per proporre la regolamentazione dei videogiochi violenti. Insomma vorrebbero che la vendita sia vietata ai minori.
Non dico che sia sbagliato ma è un argomento difficile da trattare. A mio modo di vedere, quando si tratta di limitare la libertà delle persone, bisognerebbe trattare in modo approfondito l’argomento, interpellando degli esperti e basandosi sugli studi riguardanti l’argomento.

Pensate un po’ che i videogiochi violenti potrebbero far diminuire la violenza giovanile.
In fin dei conti, sfogando lo stress sui videogiochi, mi sembra una conclusione abbastanza intuitiva. Comunque sappiate che, dati alla mano, quest’ipotesi è stata confermata.

Ovviamente in Italia c’è lo sport nazionale che riguarda l’aprire bocca su argomenti di cui si ha conoscenza pressoccé nulla e qualche giorno fa sulla RAI, durante il programma Uno Mattina, il conduttore e la scrittrice Dacia Maraini hanno iniziato a demonizzare i videogiochi, parlando in modo vago di giochi per bambini in cui devi investire le persone per vincere (WHAT?).

E’ come se io dicessi che ho visto una ragazza scosciata in un programma della RAI, senza indicare quale, e che dovrebbero regolamentare la cosa per tutelare i bambini? Vi sembrerei normale?

In seguito hanno contattato la parte che avrebbe dovuto difendere i videogiochi, ovvero il famoso youtuber FaviJ. Solo che il ragazzo ha trattato l’argomento in modo un po’ confuso, dando quasi ragione ai due detrattori.
Bisogna però ricordare che FaviJ è solo un ragazzo, molto giovane. Avrebbero dovuto contattare qualcuno con più esperienza, magari un professionista del settore.

Insomma è andato in onda il solito teatrino per fare ascolti e per invocare una regolamentazione di un settore di cui queste persone non sanno proprio nulla.

E’ il solito discorso: è facile attaccare un medium a cui dare la colpa di tutti i mali della società, invece di andare a indagare le vere cause che portano al disagio dei minori e dei ragazzi.

Ma quello che mi fa imbestialire è il trattare un argomento, come quello dei videogiochi (ma si può estendere ad altri argomenti), con superficialità e ignoranza. Il rischio è sempre quello di ritrovarsi, spinti dall’opinione pubblica, con delle leggi mostruose che limitano la libertà delle persone.

Basta trattare l’argomento videogiochi con ignoranza!

 

Facebooktwittergoogle_plusmail

Offerte Videogiochi in Uscita nel 2015: Prima Parte

Le migliori offerte dei giochi in uscita nel 2015

Visto che nel 2015 usciranno tantissimi giochi interessanti, ho deciso di condividere le offerte in prevendita sui videogiochi che ritengo migliori. Soprattutto per PS4 e XboxOne. Tra parentesi, di fianco al titolo del gioco, trovate la data di uscita del gioco.

The Order 1886 (20 Febbraio)

Come tutti i possessori di PS4 sapranno, The Order 1886 è la prima esclusiva di un certo peso per PS4. Punto forte del gioco sembra che sia una grafica dettagliatissima. Si spera anche in una bella trama, visto che il gameplay non pare originalissimo.

Una buona offerta per il preorder di questo gioco sembra quello da Gamestop, per cui portando due giochi usati per PS4 o XboxOne si porterà a casa il gioco con un euro.

Mediaworld fa un offerta simile, portando due giochi usati si pagherà il gioco 9,90 euro. Quì però i giochi da portare possono essere anche della vecchia generazione. Un solo usato più 49,99 euro per chi vuole invece la collector’s edition. Consultate la lista nella pagina dedicata alle prevendite di Mediaworld per vedere quale vi conviene.

Forse l’offerta migliore tra le prevendite rimane quella di Unieuro, dove pagando il gioco 59,90 si potrà avere anche un abbonamento al plus di 3 mesi. Quest’offerta attualmente pare sia disponibile solo in negozio fisico, quindi dovreste chiedere nel vostro punto vendita abituale se è ancora attiva.

Anche da Euronics dovrebbe esserci ancora una promozione simile. Portando un qualsiasi gioco usato si dovrebbe pagare il gioco 69 euro ma avere in più una ricarica da 20 euro da spendere sul Playstation Store. Quest’offerta dovrebbe essere ancora valida ma dipende anche dal gruppo Euronics. In alcuni Euronics ad esempio pare che sia possibile prenotare il gioco a 49 euro senza portare giochi usati. Quelli visitati da me invece volevano un gioco usato, come spiegato più sopra.

Bloodborne (25 Marzo)

Altra grossa esclusiva di Sony. Per questo gioco l’offerta migliore secondo me è quella di Mediaworld. Per la versione Collector’s Edition chiedono un usato e 19,99 euro. Per l’edizione normale invece un usato e 29,99 euro.
Probabilmente le grosse catene hanno una grossa quantità di Collector’s edition da smerciare, quindi l’offerta è paradossalmente migliore della versione liscia.

Infatti anche Unieuro mette in offerta la Collector’s Edition di Bloodborne a 59,99 euro con l’abbinamento di 90 giorni di Playstation Plus compresi nel prezzo. Per attivare l’offerta online dovete mettere nel carrello anche l’abbonamento, insieme al gioco. L’offerta è comunque valida anche nei negozi fisici.
Niente male come offerta ma se avete un usato da dare via, secondo me l’offerta Mediaworld è più conveniente.

Mortal Kombat X (14 aprile)

L’offerta migliore per Mortal Kombat X è sicuramente quella del Mediaworld. Con un usato e 9,99 euro potete preordinare il violentissimo gioco.

Batman Arkham Knight (2 giugno)

Il nuovo gioco di Batman uscirà tra diversi mesi, ma si trova già in prevendita nei vari negozi fisici e online. Il solito Mediaworld vi permette di acquistare il gioco in preorder, portando un gioco usato e pagandolo 19,99 euro.
Questa per ora è l’offerta migliore. Altrimenti tenete d’occhio Amazon che ogni tanto abbassa il prezzo dai 59,99 canonici a circa 55 euro, che non è affatto male se non avete usati da portare ai vari Mediaworld, Gamestop ecc.

Altri giochi da tenere d’occhio sono quelli che Mediaworld ha messo in prevendita con il ritiro di un gioco usato e 29,99 euro.
Tra questi ci sono Dragon Ball Xenoverse in uscita il 26 Febbraio e The Witcher 3, in uscita il 19 maggio.

Un consiglio per chi ha intenzione di acquistare dei giochi a poco prezzo per poi usarli nelle offerte sopra riportate. Prima di acquistarli chiedete ai commessi se ritirano i giochi che volete portare, perché anche se in lista alcuni Mediaworld potrebbero non ritirarli, perché magari ne hanno troppi tra gli usati.

Ci rivediamo per la seconda parte, quando arriveranno le offerte per gli altri giochi in uscita nel 2015.

Facebooktwittergoogle_plusmail